“6 Pack” e grasso addominale…quale correlazione?

Quando si parla di “6 Pack” si fa riferimento alla cosìddetta “tartaruga” e cioè l’evidenza del Muscolo Retto dell’Addome.

Esso è un muscolo che presenta quattro inserzioni tendinee trasversali che sono ben visibili sulla faccia anteriore, non interessando di norma tutto lo spessore del muscolo: una di queste è situata a livello dell’ombelico, due si trovano al di sopra e una, incostante, è al di sotto dell’ombelico. e, per questo motivo, ricorda proprio la forma del contenitore in plastica con cui si confezionano lattina delle più svariate bevande.

Oltre a intervenire nell’espirazione forzata esso fa parte di quei muscoli compresi nel “core” (importante funzione stabilizzatrice del tronco e posturale), infine avvicina il torace al bacino e viceversa.

Nell’immaginario collettivo la “Tartaruga” è ciò chè vi è di più ambito nei centri fitness di tutto il mondo, ragione per cui esistono moltissime “leggende” che riguardano questo aspetto puramente estetico.

Ma da cosa dipende il fatto che gli “addominali” siano visibili o no?

Esso dipende, sopratutto, per la presenza di grasso a livello sottocutaneo: tra il muscolo suddetto e lo strato della pelle vi è la presenza di uno strato di Tessuto Adiposo (con scopo puramente protettivo verso gli organi interni).

Se questo strato è troppo spesso andrà a coprire il Retto dell’Addome così da dare la particolare forma “rotonda”.

L’esecuzione di migliaia e migliaia di esercizi per gli addominali è pressochè inutile: sicuramente favorirà l’ipertrofia e l’aumento di forza del Retto dell’Addome e dei suoi complementari, ma non lo renderà più visibile.

Così come sono inutili panciere e K-Way quando ci si allena: questi strumenti favoriscono solo perdita di liquidi ed elettroliti e non di Tessuto Adiposo (molto più difficile da eliminare!).

In definitiva: se volete avere la “tartaruga” ben visibile è necessario allenarsi con costanza, tenacia e seguendo un programma stilato da Laureati in Scienze Motorie (mai fidarsi dei Personal Trainer divenuti tali grazie a brevetti di un fine settimana: la Laurea in Scienze Motorie è un percorso Quinquennale composto da Laurea Triennale e Magistrale!) ed inoltre è necessario seguire programmi di restrizione calorica (anch’essi consigliati da professionisti del mestiere) per eliminare l’Adipe in eccesso!

Francesco Troiani

(Istruttore presso la “Si Sport Wellness E SPA”, Laureato in Scienze Motorie Sportive e della Salute (L-22) e Laureato in Scienze Motorie per la Prevenzione e la Salute (LM-67) )

1 Comment

  • Alessandro

    6 Novembre 2019 @ 19:33

    Ma x detenere le tartarughe .. ci vuole un permesso speciale .. lo sà dottore 👨‍⚕️ 😜😜

    Compliments !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy  -  Cookie Policy